Sito Ufficiale del Comune di Perano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Avvisi
Avvisi
E-mail Stampa PDF

 

Covid-19, il Presidente della Repubblica ha emanato il Decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19

Ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di emanare nuove disposizioni per contrastare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, il Consiglio dei Ministri ha varato il Decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19 recante misure adeguate e proporzionate per il contenimento del virus.

Le disposizioni già adottate con i decreti del Presidente del Consiglio, continuano ad applicarsi fino al 3 aprile 2020.

Le misure, di cui al comma 2 del decreto proposto in allegato, possono essere adottate per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020, sulla base dell'andamento dell'emergenza epidemiologica.

Di seguito un riassunto delle principali misure adottabili su specifiche parti del territorio nazionale ovvero sulla totalità di esso:

- limitazione della circolazione delle persone, se non per spostamenti individuali limitati nel tempo e nello spazio o motivati da esigenze lavorative, da situazioni di necessità o urgenza, da motivi di salute o da altre specifiche ragioni;

- chiusura al pubblico di strade urbane, parchi, aree gioco, ville e giardini pubblici o altri spazi pubblici;

- limitazioni o divieto di allontanamento e di ingresso in territori comunali, provinciali o regionali, nonché rispetto al territorio nazionale;

- applicazione della misura della quarantena precauzionale ai soggetti che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva o che rientrano da aree, ubicate al di fuori del territorio italiano;

- divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena perché risultate positive al virus;

- limitazione o divieto delle riunioni o degli assembramenti in luoghi pubblici o aperti al pubblico;

- limitazione o sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni altra forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo, ricreativo e religioso;

- sospensione delle cerimonie civili e religiose, limitazione dell’ingresso nei luoghi destinati al culto;

- limitazione della presenza fisica dei dipendenti negli uffici delle amministrazioni pubbliche, fatte comunque salve le attività indifferibili e l’erogazione dei servizi essenziali prioritariamente mediante il ricorso a modalità di lavoro agile;

- limitazione o sospensione delle attività commerciali di vendita al dettaglio, a eccezione di quelle necessarie per assicurare la reperibilità dei generi agricoli, alimentari e di prima necessità da espletare con modalità idonee ad evitare assembramenti di persone, con obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire il rispetto di una distanza di sicurezza interpersonale predeterminata e adeguata a prevenire o ridurre il rischio di contagio;

- limitazione o sospensione delle attività di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti, nonché di consumo sul posto di alimenti e bevande, compresi bar e ristoranti;

- limitazione o sospensione di altre attività d’impresa o professionali, anche ove comportanti l’esercizio di pubbliche funzioni, nonché di lavoro autonomo, con possibilità di esclusione dei servizi di pubblica necessità previa assunzione di protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non sia possibile rispettare la distanza di sicurezza interpersonale predeterminata e adeguata a prevenire o ridurre il rischio di contagio come principale misura di contenimento, con adozione di adeguati strumenti di protezione individuale;

- limitazione allo svolgimento di fiere e mercati, a eccezione di quelli necessari per assicurare la reperibilità dei generi agricoli, alimentari e di prima necessità;

- previsione che le attività consentite si svolgano previa assunzione da parte del titolare o del gestore di misure idonee a evitare assembramenti di persone, con obbligo di predisporre le condizioni per garantire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale predeterminata e adeguata a prevenire o ridurre il rischio di contagio; per i servizi di pubblica necessità, laddove non sia possibile rispettare tale distanza interpersonale, previsione di protocolli di sicurezza anti-contagio, con adozione di strumenti di protezione individuale.

Documentazione allegata:

Decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19
- Autodichiarazione per gli spostamenti
Decreto #IoRestoaCasa, domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

 
E-mail Stampa PDF

 

Covid-19, emanato il Dpcm 22 marzo 2020 recante misure urgenti per la gestione dell’emergenza

Il Presidente del Consiglio ha firmato il Dpcm 22 marzo 2020 recante ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica Covid-19 sull'intero territorio nazionale.

Le disposizioni del presente decreto producono effetto dalla data del 23 marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 aprile 2020.

Le misure adottate sono le seguenti:

- sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell'allegato 1 (elenco delle attività consentite). Le attività professionali non sono sospese. Per le pubbliche amministrazioni resta applicabile l’attività di “smart working” ad eccezione dei servizi individuati come indifferibili;

- è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso rispetto a quello in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute;

- restano sempre consentite anche le attività che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all'allegato 1, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla lettera, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, nella quale sono indicate specificamente le imprese e le amministrazioni beneficiarie dei prodotti e servizi attinenti alle attività consentite; il Prefetto può sospendere le predette attività qualora ritenga che non sussistano tali condizioni;

- sono comunque consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonché servizi essenziali di cui alla legge 12 giugno 1990, n. 146;

- è sempre consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari;

- sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti. Il Prefetto può sospendere le predette attività qualora ritenga che non sussistano tali condizioni. In ogni caso, non è soggetta a comunicazione l’attività dei predetti impianti finalizzata a garantire l'erogazione di un servizio pubblico essenziale;

- sono consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale, previa autorizzazione del Prefetto della provincia ove sono ubicate le attività produttive;

- le imprese le cui attività non sono sospese rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 14 marzo 2020 fra il Governo e le parti sociali;

- le imprese le cui attività sono sospese per effetto del decreto devono completare le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza.

Documentazione allegata:

Dpcm 22 marzo 2020
Allegato 1 - Elenco delle attività consentite
- Autodichiarazione per gli spostamenti
Decreto #IoRestoaCasa, domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Marzo 2020 16:36
 
E-mail Stampa PDF

 

Covid-19, nuove restrizioni del Ministero della Salute

Il Ministro della Salute, con Ordinanza del 20 marzo 2020, ha adottato nuove restrizioni in tutta Italia per contenere il diffondersi del virus Covid-19. L'introduzione di nuove misure a tutela della cittadinanza, si è resa necessaria per contrastare il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento dei casi sul territorio nazionale. Le disposizioni seguenti avranno validità fino al 25 marzo:

- è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;

- non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;

- sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all'interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali;

- restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;

- nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

In consultazione, il testo integrale dell'ordinanza.

 
E-mail Stampa PDF

 

Covid-19, i numeri da chiamare per l'emergenza

L'Amministrazione Comunale segnala alla cittadinanza i numeri telefonici attivi per la gestione dell'emergenza sanitaria:

 

Ministero della Salute - 1500

Asl Lanciano Vasto Chieti - 800860146

Numero di assistenza Comune di Perano0872 898114
(da lunedì al sabato dalle ore 8 alle 14, martedì e giovedì dalle ore 15 alle 18)
Email:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Il Comune, insieme ai volontari dell'Associazione di Protezione Civile, è a disposizione per le esigenze di persone anziane o con disabilità, prive di una rete familiare in grado di fornire supporto.

 

 
E-mail Stampa PDF

 

Covid-19, raccolta e smaltimento rifiuti domestici in caso di positività o quarantena obbligatoria

La Rieco SpA, società che gestisce la raccolta differenziata sul territorio comunale, ha predisposto una guida pratica per eliminare i rifiuti in questo periodo di emergenza sanitaria che richiede nuove regole, soprattutto per chi è in isolamento domiciliare perché risultato positivo al Coronavirus.

In quarantena obbligatoria, per esempio, i rifiuti non devono essere differenziati, vanno chiusi con due o tre sacchetti resistenti e gli animali domestici non devono accedere nel locale in cui sono presenti i sacchetti. Se invece non si è positivi, la raccolta differenziata può continuare come sempre, usando però l’accortezza, se si è raffreddati, di smaltire i fazzoletti di carta nella raccolta indifferenziata.

- Linee guida e raccomandazioni per un adeguato conferimento dei rifiuti urbani a cura della Rieco SpA

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Marzo 2020 12:24
 


Pagina 1 di 12

IBAN TESORERIA BPER FIL.DI SELVA DI ALTINO

IT51O0538777970000000564466

BIC: BPMOIT22XXX

IBAN TESORERIA UNICA

IT06I0100003245400300304200

Fatturazione Elettronica

CODICE UNIVOCO UFFICIO: UFK2TV

ALBO PRETORIO

Accedi

Amministrazione trasparente

In questa sezione sono pubblicati, raggruppati secondo le indicazioni di legge, documenti, informazioni e dati concernenti l'organizzazione dell' amministrazione, le attività e le sue modalità di realizzazione.

Amministrazione trasparente

Atti amministrativi - Delibere

Accedi

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata

Calcolo IUC 2019

La Bussola della Trasparenza

Find Us on Facebook

Facebook Image

10° Raduno Fiat 500 - 19.08.2018

Perano Borgo diVino 2017

Messaggio di inizio anno del Sindaco Bellisario - 2016

PICCOLI COMUNI: NO ALLE FUSIONI

Concerto della Banda Musicale della Guardia di Finanza

Saluti di fine anno del Sindaco Gianni Bellisario - 2015

L'Amministrazione Comunale incontra i cittadini

Consiglio Comunale Solenne del 08/02/2014 e conferimento della cittadinanza onoraria a Raffaele Bonanni

EUROPA DEI CITTADINI

CITTADINANZA EUROPEA ATTIVA:

PARTECIPAZIONE E DEMOCRAZIA IN EUROPA

COMUNE DI PERANO (CH) - Italy

dal 21 al 28 Maggio 2011

Sito Ufficiale dell'evento

GALLERIA FOTOGRAFICA DELL'EVENTO




 

LAVORARE INSIEME PER SOCIETA’ RURALI ATTIVE, DEMOCRATICHE E TOLLERANTI IN EUROPA

COMUNE DI JAUNPILS

dal 6 al 13 Agosto 2012

Programma del gemellaggio


ANPCI 2011

XII ASSEMBLEA DEI SINDACI
e
VII FESTA DEI PICCOLI COMUNI D'ITALIA 2011

PERANO 1° Ottobre

VII Festa ANPCI 2011

"Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo e che anche quando non ci sei resta ad aspettarti" (Cesare Pavese)

Programma dell'evento